Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

               Raffaele La Scala

…”Un carradore che lavora nella sua bottega”: questa, può essere ai giorni nostri solo l’immagine di una cartolina o la scena di un vecchio film in bianco e nero…

…i carrettieri lavoravano per conto di commercianti o vecchi costruttori e solo molto raramente lavoravano in proprio; la forma di pagamento era “a viaggio” ed era influenzata dal tipo di tragitto da percorrere. Meno frequente ma più conveniente per i carrettieri era poi il pagamento “a iurnata”.
Quasi tutti coloro che hanno lavorato come carrettieri sono del tutto analfabeti o hanno frequentato solo le prime classi elementari poiché hanno cominciato a lavorare fin da piccoli come mi racconta mio nonno, forse uno dei pochi carradori rimasti ancora in vita: Raffaele La Scala, possedeva insieme alla moglie un negozio di generi alimentari ma nello stesso tempo per guadagnare un po’ di più continuava ad esercitare la professione di carradore, ecco cosa racconta: “Quannu nasciu iu me patri era già mortu e me matri stava a casa di so patri, me nonnu. Quannu aviva cinque anni, ‘ncuminciai a gghiri a scola, passava mezza junnata a scola e mezza junnata nò mastru di carretta; me nonna pi farimi gghiri no u’ mastru ci dava du sordi, a iddu, accussi u mastru mi putia dari a simana e iu era cuntento e continuavo a gghirici. Addivintato grannuzzu a scola non ci ivu cchiù, iva sulu ‘nnu mastru. A diciassette anni mi ‘nni ivu in un avutru mastru, Palazzolo. Comu i tedeschi vinniru all’aeroporto di Comiso stù mastru si rapìu na lavanderia e quindi iu un ci iu cchiù a travagliari ni iddu e mi nnì iu ni Puglisi ca era in società cu Floridia. Poi era grannuzzu, bravo di mistere, mi nnì iu all’aeroportu a travagliari picchì c’erano i tedeschi ca circavano operai e poi picchì mi davano quattro mila lire o iornu mentri co mastru vuscava quattru mila liri a simana. Comu ‘ncuminciò a guerra però ci furono i bombardamenti all’aeroportu e un ci iu cchiù. Doppu un pocu m’arrivà a cattullina pi pattiri militari e mi nni iu vicinu Napoli unni mi desiru u’ patentinu di montatore picchì allora l’apparecchi eranu di lignu e s’avianu aggiustari,fici u’ cursu e mi desiru u’ patentinu. Doppu cincu misi niscì na liggi pi ccù era figliu unicu e mi congedaru.
 Appena turnai o Comisu mi misi a fari i carretta cu du mastri ‘i carretta, a genti mi diciva u’ prezzu do carrettu, iu mi calcolava quantu c’avia stari e si mi cumminia ci lu faciva. Doppu un pocu mi nni ivu a travagliari a Rammicheli pi tri anni. Doppu sti tri anni mi maritaiu e mi nni ivu arrè o Comisu unni mi grapiu ‘na putia e faciva u’ stessu carretta. Un iornu vinniru dui di Agrigentu ca avianu accattari tri carretta a picca prezzu pi vinnirasilli ad Agrigentu e iu ci li fici accattari e no mentri mi vulivanu cumminciri a iri a travagliari ad Agrigentu cu iddi, che riparazioni ca si vuscava cchiossà ma iu mprima ci dissi di no; poi turnaru arrè pi accattarisi antri carretta e mu dissiru arrè di iri a travagliari cu iddi e stavota iu, cu me muglieri, ci ivu. Arrivati ad Agrigentu mi misi a travagliari cu iddi ‘mprima e doppu un pocu mi grapiu iu un generi alimentari pi me muglieri ma iu no, darrè a putìa facìa e riparava i carretta finu a quannu lu potti fari, po ca carretta un ci nn’eranu cchiù avia sulu a putìa.”
Il carretto è considerato come il raggruppamento di quattro diversi mestieri: scultore, fabbro, carradore e pittore.
Lo scultore si occupa della parte di legno, il fabbro di quella in ferro, il carradore mette insieme le due parti e il pittore dà un tocco di vivacità al tutto.
Successivamente, nascendo il trasporto motorizzato, si cominciò a fare solo un lavoro di manutenzione, cioè ci si limitava a ricostruire il pezzo danneggiato, e per ciò prima il fabbro poi lo scultore cominciarono ad indirizzare il proprio lavoro verso altre attività. L’ultimo a scomparire fu il carradore che, per sopravvivere, s’improvvisò scultore e fabbro come nel caso del nostro maestro Raffaele La Scala.

                                           
                                                                             Daniela La Scala

Informazioni aggiuntive